Il nostro inventario

Il listino aggiornato delle nostre auto

Mercedes-Benz 600 S

cat lunga W140

€ 34.000

mercedes-benz-logo-design

CON SOLI 9600 KM ORIGINALI!!!!!!!

Mercedes-Benz 600 S cat lunga   W140 (600 SEL – S 600 Lunga dal 06/93)

Tagliandi certificati

Immatricolazione 01/1994     1 proprietario

290 kW 394 CV Cilindrata 5.987 cm³ Cilindri 12

Cambio automatico, Benzina

Colore esterno Nero Metallizzato Rivestimenti in Pelle totale neri

TUTTO DOCUMENTATO E DIMOSTARBILE

COMPRATA E INUTILIZZATA DA UNA PERSONA BENESTANTE , RIMASTA SEMPRE AL COPERTO E REGOLARMENTE TENUTA IN FUNZIONE DAL MAGGIORDOMO .

LA VETTURA SI PRESENTA IN CONDIZIONI PARI AL NUOVO .

E’ COMPLETA DI TUTTI GLI OPTIONAL DELL’EPOCA COMPRESO IL TELECOMANDO DELLA RADIO BEKER ANCORA IMBALLATO NELLA SCATOLA ORIGINALE .

SERVICE BOOK COMPLETO

4 POSTI REGOLABILI ELETTRONICAMENTE CON MEMORIA

DOPPI VETRI OSCURATI

TENDINE ELETTRICHE POSTERIORI

TETTUCCIO APRIBILE

RADIO ORIGINALE BEKER

CLIMATIZZATORE AUTOMATICO

SELLERIA INTERNA PRESSOCHE’ PERFETTA MAI RIFATTA O RIVERNICIATA

MAI INCIDENTATA PERFETTAMENTE FUNZIONANTE

Visibile su appuntamento a Cremona.

 

 

 

 

  • Climatizzatore automatico
  • Autoradio
  • Vetri elettrici
  • Interni in pelle
  • Sedili elettrici
  • INTERNI IN RADICA

 

 

W140 è la sigla di un'autovettura di lusso prodotta dalla Mercedes-Benz dal aprile 1991 al settembre 1998 e facente parte del segmento di gamma denominata Classe S dalla Casa tedesca. Le versioni Pullman sono state le uniche ad essere state prodotte fino al 2000. La macchina ha avuto successo commerciale venendo prodotta in oltre 430 mila esemplari.

Storia e profilo

Il progetto per il modello che avrebbe sostituito l'ammiraglia di Stoccarda, la W126, fu avviato già nel 1982: si era fissato che la produzione avrebbe dovuto cominciare nell'autunno del 1989. Ma alcuni eventi, come la rivale BMW che nel 1987 ha introdotto la 750i E32 con motore V12, indussero la Mercedes-Benz, che aveva a quel punto già ultimato 19 prototipi, a rimandare il tutto per sviluppare un V12 che potesse contrastare l'offensiva commerciale bavarese. Secondo alcune voci, peraltro non ufficiali, si parlava anche di realizzare un V16 da 8 litri, ma alla fine non si sa se tale progetto sia stato effettivamente considerato. Nel 1989, la Lexus introdusse la berlina di lusso LS 400. Per rivaleggiare la LS 400, numerosi nuovi accessori furono portati per il lancio della nuova W140 provocando sforamenti di bilancio che costarono il lavoro all'ingegnere capo di Daimler-Benz, Wolfgang Peter. Per dettagli come questi, la W140 è spesso conosciuta come l'ultima Mercedes ad essere stata "stra-sviluppata", una distinzione che stava costando alla casa di Stoccarda in ritardi di produzione e sforamenti di budget. La produzione cominciò quindi solo nel 1991 e la presentazione avvenne al Salone dell'automobile di Ginevra di quell'anno. All'epoca della sua presentazione, la nuova ammiraglia tedesca rappresentava l'apice del lusso nel segmento G cui apparteneva ed era ritenuta da molti la migliore macchina in produzione in quel periodo, come lo era stato in passato per la W100. La W140 segnò un balzo in avanti significativo nella tecnologia della Mercedes-Benz. Molti dettagli potevano essere trovati già nella SL R129 del 1989. Si ritiene che la nuova macchina sia costata alla Mercedes-Benz oltre 1 miliardo di dollari per il solo sviluppo. Per il consumatore, la nuova W140 costava un notevole 25% in più rispetto al suo predecessore, la W126.

Estetica ed interni

Gli interni della Classe S in versione C140

La W140 è stata proposta fin dall'inizio in due varianti di carrozzeria, la berlina a passo normale e quella a passo lungo, maggiorato di 10 cm. Già nel primo caso, la grande ammiraglia di Stoccarda raggiungeva la già non indifferente lunghezza di 5 113 mm, assicurando una grande abitabilità interna. La capacità del bagagliaio era di 525 dm³ per la berlina e di 505 dm³ per la Coupé. Esternamente, la vettura conserva tutti i tratti tipici delle prestigiose berline che recano sul frontale la "stella a tre punte". L'eleganza della linea si deve ancora una volta all'équipe del centro stile Mercedes-Benz guidata dal friulano Bruno Sacco. Molta cura è stata rivolta all'aerodinamica e la W140, pur essendo più imponente della W126 che andava a sostituire, risultava anche dotata di un migliore coefficiente di penetrazione aerodinamica (0,30 per la berlina e 0,29 per la coupé). Il frontale rivela subito una novità significativa, rappresentata dalla griglia frontale incorporata nel cofano motore (per la prima volta in una Mercedes-Benz) e dalla "stella a tre punte" non più posta sulla sommità della griglia stessa, ma sulla punta del cofano motore. I fari anteriori sono più profilati, mentre nella zona posteriore del cofano motore, alla base del parabrezza, compaiono delle griglie di sfogo. La fiancata tende a rendere più imponente la vista d'insieme grazie all'ausilio di fascioni laterali di dimensioni generose. Posteriormente, invece, saltano all'occhio i gruppi ottici di dimensioni minori, sottolineati da una fascia di colore chiaro che attraversa la coda in tutta la sua larghezza.

Internamente, la W140 è più spaziosa del modello precedente, ed appare assai elegante ancora oggigiorno. La dotazione comprende dispositivi come i finestrini elettrici con riapertura d'emergenza nel caso questi dovessero trovare un ostacolo nel loro percorso (per esempio un bambino affacciato). I finestrini stessi, inoltre, sono a doppio cristallo, in modo da fornire un ottimale insonorizzazione ed un adeguato isolamento termico. Particolari erano le antenne che fuoriuscivano dai parafanghi posteriori per assistere il conducente in caso di manovra in retromarcia. Completavano il quadro della dotazione per il comfort: la chiusura centralizzata comandata anche dall'interno, la chiusura servoassistita delle porte e del bagagliaio (optional), gli specchietti retrovisori regolabili elettricamente e ripiegabili, il climatizzatore anteriore bi-zona, il climatizzatore posteriore (optional per renderla tri zona) i sedili elettrici con memoria anteriori e posteriori, il primo sedile con supporto lombare su 3 zone e con conformazione variabile degli appoggi laterali degli schienali, rivestimenti in materiali pregiati come pelle alcantara e finiture in legno, telefono digitale, tettuccio apribile e le sospensioni regolabili elettronicamente ADS. Dal punto di vista della sicurezza, la W140 offriva gli airbag frontali, oltre che il dispositivo ABS e al controllo elettronico antislittamento per le ruote posteriori ASR.

Meccanica e motori

Il motore V12 da 6 litri che equipaggia le W140 e C140

Meccanicamente, la W140, manteneva la classica impostazione della Casa tedesca. Prima di tutto, quindi, ritroviamo il motore anteriore longitudinale e la trazione posteriore, ma oltre a ciò si ritrovano anche lo schema delle sospensioni con avantreno di tipo MacPherson e retrotreno a bracci multipli. Inizialmente la W140 doveva essere equipaggiata con le nuove sospensioni pneumatiche AirMatic come opzione, ma il progetto fu abbandonato poco prima del lancio perché la Mercedes stava ancora perfezionando la tecnologia al momento. La Mercedes decise di lanciare le sospensioni AirMatic nella successiva generazione della Classe S nel 1998. L'impianto frenante è a doppio circuito idraulico ed è interamente a dischi, di cui quelli anteriori sempre autoventilanti e quelli posteriori pieni, ma solo nelle versioni con motore a 6 cilindri. Quelle con motorizzazioni superiori montano i dischi autoventilanti anche al retrotreno. La capacità del serbatoio era di 100 litri mentre la massa rimorchiabile era di oltre 2 tonnellate e mezzo. Al suo esordio, la W140 è stata proposta nella seguente gamma iniziale: 300 SE/SEL, con motore da 3,2 litri, 24 valvole e 231 CV, 400 SE/SEL, con motore V8 da 4,2 litri, 32 valvole e 286 CV e 500 SE/SEL, con motore V8 da 5 litri, 32 valvole e 326 CV, tutti omologati alla normativa anti inquinamento Euro 1. I motori a sei cilindri erano accoppiati ad un cambio manuale a 5 marce mentre le V8 avevano un automatico a 4 rapporti. Nel 1992 la 600 SEL, con motore V12 da 6 litri, 48 valvole e 408 CV ha fatto il suo debutto assieme alla versione a gasolio. I prezzi di listino in Italia partivano da circa 92 milioni di lire (47 000 euro circa) della 300 SE 2.8 fino ai quasi 220 milioni di lire (113 000 euro) della 600 SEL.

 

Altre versioni

Oltre alla normale berlina e al coupé, la W140 è stata proposta anche come berlina a passo allungato di 10 cm (versioni SEL). L'interasse, in questo caso, passa così da 3.045 a 3.140 mm. Tale versione ha esordito assieme alle berline a passo normale ed è stata proposta in quasi tutte le motorizzazioni, ad eccezione di quelle a gasolio e di quella a benzina da 2,8 litri. Questa versione disponeva tra l'altro anche dei sedili posteriori reclinabili e riscaldabili. In occasione del riassetto delle denominazioni dei modelli Mercedes-Benz, avvenuto nella prima metà del 1993, anche queste versioni non sfuggirono alla regola. Così, per esempio, la 600 SEL divenne S 600 Lunga (o Lang, come veniva chiamata dai tedeschi).

Un'altra versione particolare, già citata in precedenza, è stata quella proposta a metà del 1996, denominata pullman e caratterizzata dal passo maggiorato di un metro rispetto alla versione SEL. La lunghezza raggiungeva così 6.213 mm contro i 5.213 mm della SEL, grazie ad un interasse passato da 3.140 a ben 4.140 mm, superiore quindi alla lunghezza di una vettura come la contemporanea Alfa 146, mentre il peso a vuoto di un Pullman arrivava ad essere superiore di 640 kg rispetto al peso a vuoto di una SEL, quasi il peso di una piccola utilitaria. Internamente, la vettura disponeva di sei posti in tre file da due posti ciascuna. I due posti anteriori sono separati tramite un divisorio dai quattro posti posteriori, sistemati in configurazione vis-a-vis, cioè con due posti affacciati agli altri due. La W140 Pullman è stata proposta unicamente con il V8 da 5 litri o con il V12 da 6 litri, ed è stata l'unica versione della W140 prodotta fino al 2000, ma non è stata mai inserita ufficialmente in listino.

Sulla base dei modelli 500 SEL/S 500 Lunga e 600 SEL/S 600 Lunga sono state realizzate anche delle particolari versioni blindate con carrozzerie irrobustite, vetri antiproiettile e tutta una serie di rinforzi che alla fine fanno quasi raddoppiare la massa a vuoto di ogni singola vettura rispetto al modello di origine. Basti pensare che la S 500 Lunga blindata arriva a pesare a secco 3485 kg.

Una menzione particolare merita la versione landaulet in esemplare unico allestita nel marzo del 1997 appositamente per il pontefice Giovanni Paolo II, che la utilizzava per i suoi spostamenti ufficiali. La vettura è quindi caratterizzata dalla presenza di una capote che va a coprire solo la parte posteriore del tetto, mentre quella anteriore è in lamiera. Il meccanismo che attua l'apertura della capote è derivato da quello che apre la capote elettrica della Classe E W124 Cabriolet (o A124). La vettura nasce sulla base della S 500 Lunga, della quale condivide le principali caratteristiche strutturali, compreso l'interasse di 3.14 m. Analogo anche il V8 da 5 litri e 320 CV di potenza massima.

Prezzo / Price: € 34.000
Marca / Make: MERCEDES
Modello / Model: 600 S
Condizione / Condition: Epoca
Km: 9600
Anno / Year: 1994
Cambio / Transmission: Automatico
Alimentazione / Fuel type: Benzina
Cilindrata / Engine size: 5.987
Potenza / Power: 394 cv
Colore / Color: NERO METLLIZZATO
Carrozzeria / Type: BERLINA
Veicoli recenti

Veicoli recentemente aggiunti al nostro parco auto

Mercedes-Benz 600 S
€ 34.000
FERRARI 308 GTB QUATTROVALVOLE
€ 110.000
Ferrari F355 Berlinetta
€ 79.000
Ferrari GTE 250 Wire Wheels Borrani
Ferrari Daytona Cerchi Wheels
Lancia Gamma Coupé 2.500 i.e
FERRARI F40 ROOF
LOTUS ELAN RICAMBI
LOTUS ESPRIT RICAMBI
BMW 2000 CS
€ 30.000
Back to top