Il nostro inventario

Il listino aggiornato delle nostre auto

FIAT 600

SECONDA SERIE PORTIERE CONTROVENTO

€ 10.500

Fiat

Fiat 600

05/1957

16 kW     22 CV      90.997 km

Il 633 cc di questa Fiat 600 seconda serie è perfettamente funzionante. Dalle foto poi si può ben constatare l’ottimo stato generale dell’auto dai fondi alla carrozzeria. I sedili sono originali degli anni Cinquanta, conservati, mai rifatti mantenendo il loro colore.

La FIAT 600, per la propria importanza nella storia dell’automobile, può essere accostata alla Mini ed al Maggiolino per questo riteniamo possa avere un grande valore a livello collezionistico considerando inoltre che ha targhe e libretto originali.

Considerato ciò e anche le attuali quotazioni di mercato per mezzi simili, compresa la rivista Ruoteclassiche, riteniamo la nostra un’ottima proposta economica

 

Visibile a Cremona solo su appuntamento (cell.327 1997474)

Per maggiori informazioni oltre al sito www.autostorichecremona.it   potete visitare anche la nostra pagina social https://www.facebook.com/autostorichecremona.it/ per poter interagire con noi

 

Fiat 600 Storia 600-fiat-15

600 I serie: (marzo 1955-febbraio 1957) motore 633 c, carburatore Weber 22 DRA, 21,5 CV (15,8 kW) a 4 600 giri/min, velocità massima circa 90 km/h. Portiere incernierate posteriormente (portes suicides), vetri scorrevoli, indicatori di direzione sui parafanghi come sulla Topolino, fregio anteriore “600” con i 6 baffi in alluminio, fanalini posteriori piccoli con base in alluminio, indicatore di direzione posteriore assente nei primi esemplari fino al febbraio del 1956. Nell’estate 1955 viene perfezionato l’indicatore del livello della benzina, eliminandone le oscillazioni durante la marcia.

600 II serie: (marzo 1957-febbraio 1959) la cilindrata rimane invariata, ma la potenza diventa di 22 CV (16 kW) a 4 600 giri/min, grazie al carburatore Weber 22 IM. Vengono adottati i cristalli delle porte discendenti con meccanismo a manovella, ma senza deflettore, fanalini posteriori con indicatore di direzione giallo e catarifrangente incorporato (successivamente la Fiat fornirà un catarifrangente rotondo adesivo da applicare a cura del cliente).

 bandiera-inglese

The 633 cc of this Fiat 600 second series is perfectly functional. By the photos It is possible observe the excellent general condition of the car from the bottoms to the body. The seats are the 1950s original, preserved, never rebuild preserving their color.

The FIAT 600, due to its importance in the history of the car, can be approached with the Mini and the Beetle, so we think it can have a great value at collector level, considering that it has original plates and documents (libretto).

Consider this and even current market prices for similar media, including the “Ruoteclassiche” magazine, we consider ours a good economic proposition.

Visible in Cremona (near Milan) appointment only!

For further information in addition to our site www.autostorichecremona.it you can also visit our social page https://www.facebook.com/autostorichecremona.it and interact with us.

 

 

  • Autoradio
  • Volante in legno

 Fiat 600 storia

La più amata dagli italiani

La FIAT 600, per la propria importanza nella storia dell’automobile, può essere accostata alla Mini ed al Maggiolino. Così come la Mini ebbe le sue versioni sportive, l’italiana costituì la base per le elaborate siglate Abarth, mentre con la VW condivise il ruolo di auto del popolo, protagonista della motorizzazione di massa di intere nazioni. La piccola FIAT adottava la soluzione tutto dietro, come il Maggiolino, anche se le due vetture presentavano soluzioni motoristiche quasi antitetiche (boxer raffreddato ad aria per la VW a fronte di un tradizionale quattro cilindri in linea raffreddato ad acqua per la FIAT). La 600 sostituì la Topolino nel listino FIAT, una vettura importante, che aveva rappresentato il primo tentativo dell’industria italiana di offrire al mercato un’automobile accessibile al grande pubblico. A sottolineare la sua vocazione di auto per tutti, la 600 aveva un prezzo inferiore alla Topolino, sulla breccia fin dagli anni ’30 ed ormai urgentemente candidata alla pensione. L’esordio della 600 avvenne al Salone di Ginevra del 1955, la tecnica che la caratterizzava era moderna, potendo contare sulla carrozzeria autoportante e sulle sospensioni a quattro ruote indipendenti. Era la risposta giusta alla domanda di automobili che, molto presto, sarebbe cresciuta in modo impressionante sulla scia del boom economico.

Fiat 600

Utilitaria per eccellenza

Il cuore della 600 é il motore tipo 100 (quello delle prime tre serie), di cilindrata complessiva pari a 633 cm3, un quattro cilindri raffreddato ad acqua che avrà lunga vita e numerosi sviluppi tecnici. La potenza della prima versione era di 21,5 cavalli a 4.600 giri al minuto, sufficiente per spingere l’utilitaria a 90 km/h. Con questa motorizzazione la 600 poteva trasportare, non senza un certo confort, quattro persone con un bagaglio di 30 chilogrammi. Dopo un anno dall’esordio comparvero due varianti di carrozzeria, quella a tetto apribile (trasformabile) e l’originale Multipla che, in anni recenti, ha ispirato un’altra FIAT che ha portato il suo stesso nome. La Multipla del 1956 non era bella a vedersi, a causa del muso alto e schiacciato, ma può tutt’ora definirsi geniale e, certamente, assai versatile.

Evoluzione estetica e meccanica

Sempre riferendoci alla produzione italiana, osserviamo come attraverso le sei serie, che possiamo designare con sigle che vanno da B1 a B6, vi sia stata un’evoluzione graduale ma costante della meccanica e dell’allestimento delle vetture, che testimonia l’importanza che la 600 rivestiva nel listino FIAT e le politiche commerciali attuate, che vanno inquadrate nell’ottica di un nascente marketing. La prima serie della 600 presentata nel 1955, oggi la più ambita e rara, é facilmente riconoscibile essendo l’unica con i cristalli delle porte scorrevoli orizzontalmente. Con la seconda serie, presentata sempre a Ginevra nel marzo 1957, arrivano invece i vetri discendenti e si tratta proprio della versione alla quale appartiene la vettura celeste del nostro fotoservizio. Con la terza serie (“B3”), introdotta nel marzo 1959 ancora al Salone di Ginevra, scompaiono i fanalini posti sopra i parafanghi anteriori e vengono adottate luci simili a quelle della 500, poste al di sotto dei fari. Posteriormente scompaiono i fanalini di piccole dimensioni e vengono adottati quelli “stile 500”, più grandi, che rimarranno invariati nelle serie successive. La “B4” é invece la prima variante dotata del motore “100 D” e, quindi, la prima delle 600 D. Venne presentata al Salone di Parigi del 1960 e segna una svolta importante nell’evoluzione del modello. Si distingue dalle versioni precedenti per il nuovo lamierato del cofano motore, ora con grigliatura maggiorata, e per i deflettori orientabili. Resta in produzione fino al maggio del 1964, quando viene presentata la “B5”, che é la prima versione dotata delle porte incernierate anteriormente, mentre le versioni precedenti avevano tutte le porte “suicide” (suicide doors), con le cerniere applicate posteriormente.

Fiat 600Fiat 600Fiat 600

bandiera-inglese

 

The Fiat 600 is a city car produced by the Italian manufacturer Fiat from 1955 to 1969. Measuring only 3.22 m (10 ft 7 in) long, it was the first rear-engined Fiat and cost the equivalent of about € 6,700 or US$ 7300 in today's money (590,000 lire then). The total number produced from 1955 to 1969 at the Mirafiori plant in Turin was 2,695,197.[6] During the 1960s, '70s and '80s, the car became very popular in countries such as Spain (as SEAT 600), where it became the icon, par excellence, of the Spanish miracle, Argentina, where it was nicknamed Fitito (a diminutive of FIAT) and former Yugoslavia where it was nicknamed Fića (pronounced [fee-cha]).

Development

Codenamed Progetto 100 ("Project 100"), the Fiat 600 mirrored the layout of the Volkswagen Beetle and Renault 4CV of its era. Aimed at being an economical but capable vehicle, its design parameters stipulated a weight of around 450 kg with the ability to carry 4 people and luggage plus a cruising speed of no less than 85 km/h. A total of 5 prototypes were built between 1952 and 1954, which all differed from one another. Chassis number 000001 with engine number 000002 is believed to be the sole remaining example, according to a recent report by Quattroruote's "Ruoteclassiche" vintage division. It was powered by an innovative single-cam V2-cylinder engine designed to simplify maintenance and did not feature a clutch pedal. At the official launch in 1955, FIAT engineer, Dante Giacosa declared that the aim had been to create something new, both in the interest of progress and simplification. This prototype, however, did not become the chosen design.

Characteristics

The car had hydraulic drum brakes on all four wheels. Suspension was a unique single double-mounted leafspring—which acts as a stabilizer—between the front wheels coupled to gas-charged shock absorbers, and an independent coil-over-shock absorber setup coupled to semi-trailing arms at the rear. All 600 models had 3-synchro (no synchro on 1st) 4-speed transaxles. Unlike the Volkswagen Beetle or Fiat 500, the Fiat 600 is water-cooled with an ample cabin heater and, while cooling is generally adequate, for high-power modified versions a front-mounted radiator or oil cooler is needed to complement the rear-mounted radiator. All models of the 600 had generators with mechanical external regulators.

The top speed ranged from 95 km/h (59 mph) empty with the 633 cc inline-four engine to 110 km/h (68 mph) with the 767 cc version. The car had good ventilation and defrosting systems.

Steyr Fiat 600

 

A year after its debut, in 1956, a soft-top version was introduced, as well as a six-seater variant—the Fiat 600 Multipla. It was a precursor of current multi-purpose vehicles.

Retrospectively the water-cooled Fiat 600 is sometimes over-shadowed by the air-cooled Fiat 500, but the 600 was a remarkably fast seller in its time: the millionth 600 was produced in February 1961, less than six years after the car's launch. At the time when the millionth car was produced, the manufacturer reported it was producing the car at the then remarkable rate of 1,000 a day. As of mid 2017 there were 78 registered as taxed for road use in the UK and 44 registered as SORN (Statutory Off Road Notification).

Prezzo / Price: € 10.500
Marca / Make: FIAT
Modello / Model: 600
Condizione / Condition: Epoca
Km: 90997
Anno / Year: 1957
Cambio / Transmission: Manuale
Alimentazione / Fuel type: Benzina
Cilindrata / Engine size: 633
Potenza / Power: 22 cv
Colore / Color: AZZURRO CENERE
Carrozzeria / Type: UTILITARIA


Veicoli recenti

Veicoli recentemente aggiunti al nostro parco auto

Mercedes-Benz 600 S
€ 34.000
FERRARI 308 GTB QUATTROVALVOLE
€ 85.000
Ferrari F355 Berlinetta
€ 84.000
Ferrari GTE 250 Wire Wheels Borrani
Ferrari Daytona Cerchi Wheels
Lancia Gamma Coupé 2.500 i.e
FERRARI F40 ROOF
LOTUS ELAN RICAMBI
LOTUS ESPRIT RICAMBI
Alfa Romeo Giulietta 1300 berlina motore
€ 1.400
Back to top